Monica Morini_ Fuochi

Condividi:

Non sono una voce solitaria: io sono tante voci. Sono quei 66 milioni di ragazze che non possono andare a scuola”: Monica Morini cita il discorso della diciassettenne attivista pakistana Malala Yousafzai alla consegna del Premio Nobel per la Pace, per introdurre Fuochi. Racconti di ragazze ribelli, coraggiose, libere.
E prosegue: Antigone è l’antenata che per prima ha la forza di disobbedire in nome della giustizia. Dal mito alla vita: su uno stesso filo camminano Rosa Parks, la cui disobbedienza cambia la legge sugli autobus dell’Alabama, e Samia Yusuf Omar, campionessa olimpica che, inseguendo il sogno del diritto allo sport, lascia la Somalia in guerra e compie il grande viaggio sui barconi del Mediterraneo per correre alle olimpiadi di Londra. E poi Alfonsina Morini Strada, unica donna al Giro d’Italia, Nellie Bly, prima giornalista ad inventare la scrittura d’inchiesta: donne libere che hanno aperto nuove strade, anche per noi, e mandato in frantumi pregiudizi di secoli. Non sono solo storie di donne che hanno cambiato la storia: guardando negli occhi queste donne e la loro vita ci si interroga su chi ha guidato i nostri passi. Quali costellazioni di antenate riconosciamo? Quanto ancora si può fare?”.
Monica Morini, Teatro dell’Orsa

Fuochi, realizzato con la collaborazione di Annamaria Gozzi, si avvale della musica dal vivo di Claudia Catellani ed è stato presentato al Teatro Cavallerizza come spettacolo offerto alle scuole e alla cittadinanza dal Comune di Reggio Emilia nell’ambito della rassegna 365 Giorni Donna in occasione della Festa della Donna 2017.

Condividi: