Lucrezia. Omaggio per un’antieroina – 2021

Condividi:
1
Dic

In ottemperanza al decreto legge del 23/7/21, n. 105 dal 6 agosto 2021 sarà possibile partecipare agli eventi SOLO SE MUNITI DI GREEN PASS.

A Palazzo Fontanelli Sacrati torna Lucrezia Borgia! Questa volta non per incontrare clandestinamente il duca di Mantova Francesco Gonzaga, come vuole il romanzo di Maria Bellonci, ma per mostrarsi in tutta la complessità della sua figura storica.

Lucrezia, che in diverse occasioni soggiornò nel meraviglioso palazzo rinascimentale e a Reggio Emilia, come nel 1504, per vedere il suo raccomandato Mastro Antonio da Zenua, che portò in città la lavorazione della seta, o nel 1505 quando partorì il figlio Alessandro, morto dopo neanche un mese di vita, o nel 1508 quando a Ferrara inferiva la peste, o per concludere, nel 1511, ultimo suo soggiorno documentato nella cittadina del tricolore, viene, in questa occasione, analizzata e approfondita dagli sguardi di nove artisti italiani e internazionali.

Mostra su Lucrezia Borgia
A cura di Nicola Bigliardi, e Sveva d’Antonio

Per mettere in luce una figura troppo spesso calunniata e vittima di una storia patriaracale che ne ha strumentalizzato la sua immagine.
Oltre i recenti studi che stanno mettendo in evidenza tutte le ingiustizie e le inesattezze diffamatorie sul suo conto (non ultimi la mostra dell’Archivio di Modena e gli studi meticolosi della Professoressa Diane Ghirardo), le opere dei nove artisti esposti (Marinella Senatore, Athena Papadopoulos, Nuria Guell, Giulio Cassanelli, Nazzarena Poli Maramotti, Silvia Listorti, Giulia Cacciuttolo, Sofia Bersanelli e Federico Branchetti) presentano in tutta la sua vastità i meandri più silenti e latenti della vita di Lucrezia, dagli attimi di intimità alle sofferenze più atroci, dall’apparente immagine di potere alle fragilità più celate. Si assiste così ad attimi, sensazioni, percezioni sfuggevoli e sbiadite; ma anche relazioni, contatti, corpi, traumi, gioie e sofferenze. In forte dialogo con gli spazi di Palazzo Fontanelli Sacrati, si vuole così rendere omaggio a una vera e propria antieroina ancora in cerca di riscatto: un omaggio, perché in ogni epoca esisterà una Lucrezia Borgia.

Maggiori dettagli sulla mostra 

Oltre alla mostra:
Marinella Senatore, nella sede di Palazzo Sacrati, il 4 dicembre alle 16.00

invita a partecipare ad un evento unico: un workshop gratuito della durata di due ore e mezza in cui l’artista coinvolgerà e  farà conoscere il suo universo artistico in maniera partecipativa.
La sua ricerca si caratterizza per la partecipazione attiva del pubblico nel processo creativo, utilizzando diversi media. Coinvolgendo, infatti, intere comunità, l’artista cerca di avviare un dialogo tra storia orale e strutture socio-culturali. Ha lavorato dal 2006 ad oggi con più di 5 milioni persone da diverse parti del mondo. Nei progetti di Senatore chiunque può partecipare, utilizzando le piattaforme create dall’artista in molteplici modi, riformulando il ruolo dell’autore e quello del pubblico. Cerchiamo cittadini, dilettanti e professionisti, studenti, semplici appassionati, artisti o chiunque sia curioso e deciso ad avvicinarsi al mondo dell’arte e della cultura.

Per aderire al progetto si prega di compilare l’apposito form nella home del sito www.allartcontemporary.org oppure di mandare una e-mail prima e non oltre il 27 novembre ai seguenti indirizzi: apsallartcontemporary@gmail.com contact@collezionetaurisano.art

Info

Organizzato da:
All Art Contemporary, in collaborazione con la Collezione Taurisano, col sostegno di Regione Emilia Romagna e GPW LTD e col patrocinio del Comune di Reggio Emilia

Condividi: