The Liberation Project feat. Phil Manzanera

Condividi:
Concluso
18
Lug

Rassegna dedicata alla musica world, jazz e alla canzone d’autore.
Una vera e propria celebrazione per festeggiare il Mandela day a Reggio Emilia giovedì 18 luglio, con un supergruppo che porterà in piazza Prampolini le musiche e le parole di liberazione dall’Italia, Sudafrica, Cuba e India.
Un omaggio per celebrare la figura di Nelson Mandela grazie all’incontro di musicisti provenienti da tutto il mondo, in occasione del primo tour italiano dei “The Liberation Project”, un collettivo composto da una band di 7 musicisti del Sud Africa a cui si aggiungono di volta in volta diversi artisti provenienti da vari Paesi.
Questo collettivo, che in Italia vede anche la straordinaria partecipazione di Phil Manzanera, N’faly Kouyate, Cisco Bellotti e Roberto Formignani, si pone l’obiettivo di portare in tutto il mondo il messaggio di libertà e armonia tra i popoli attraverso i canti che hanno ispirato le più importanti lotte di liberazione di Italia, Cuba e Sudafrica. Durante il live sarà presentato “Songs That Made Us Free”, il nuovo triplo disco che è un’unione di musica rock e world, emotivo e pieno di grande musicalità.

Friendship & Solidarity Tour

Phil Manzanera – chitarra, voce
Dan Chiorboli – percussioni, voce
Tebogo Sedumedi – basso, voce
Neil Solomon – chitarra, tastiera, voce
Peter Djamba – batteria, voce
N’Faly Kouyate – kora, voce
Roberto Formignani – chitarra
Cisco Bellotti – voce
Lindi N’Gonele – tastiera, voce
Kabelo Seleke – sax, flauto

Consulta il programma completo della rassegna

Il filo conduttore di The Liberation Project è Dan Chiorboli, nato in Italia e cresciuto in Sud Africa durante l’era dell’apartheid. La visione di questo progetto è emersa dalla visita nella sua città natale, Ferrara, analizzando il ruolo della sua famiglia nella resistenza partigiana. La sua passione per la musica e per entrambi i paesi ha portato a un forte desiderio di collaborare con artisti sudafricani e italiani per la produzione di un album che potesse rappresentare la liberazione. In questo modo il progetto ha trovato l’adesione di alcuni musicisti come quello del chitarrista dei Roxy Music, Phil Manzanera, già il co-produttore dei Pink Floyd. Con l’evolversi del progetto, anche il leader della band cubana Juan De Marcos, l’icona musicale del leggendario Buena Vista Social Club e Afro-Cuban All Stars, ha aggiunto idee artistiche e contribuito con due canzoni appositamente scritte per il disco.
“Songs That Made Us Free” ha richiesto diciotto mesi di lavorazione, vede la partecipazione di 142 musicisti provenienti da 18 paesi diversi, come Francia, La Reunion, Guinea, Burundi, Stati Uniti, Brasile, Regno Unito.
Il tour in Italia partito da Ferrara lo scorso 9 luglio vede il gruppo protagonista di 11 appuntamenti, ospiti d’onore di due date del Jova Beach Tour di Jovanotti e con serate dedicate a Napoli, Genova, Torino, Milano, Bologna e Roma.
Il tour rappresenta anche un importante momento di dialogo internazionale avendo ricevuto il supporto dell’Ambasciata del Sudafrica in Italia, dell’Ambasciata di Cuba in Italia e dell’Ambasciata dell’India in Italia.

Info

Ingresso libero limitato ai posti disponibili

0522 444446, info@palazzomagnani.it
In caso di maltempo luogo da definire, maggiori info sul sito:  Fondazione Palazzo Magnani

Organizzato da ATER Associazione Teatri Emilia Romagna, in collaborazione con Fondazione Palazzo Magnani

Programma completo Restate 2019

A cura di: Palazzo Magnani
Condividi: