“Non aver paura della crisi sapendo cosa fare” – Giornata internazionale dell’Epilessia

Condividi:
Concluso
12
Feb

Non aver paura della crisi sapendo cosa fare”, questo il tema di sensibilizzazione in occasione della Giornata internazionale dell’Epilessia con l’obiettivo di far luce sulle modalità corrette di primo soccorso in caso di crisi epilettica.

Uno sguardo attento sul soggetto con epilessia che soffre, più che per la sua malattia, per tutto ciò che essa comporta a livello sociale.
La discriminazione tuttora esistente, spinge i pazienti e le famiglie a vivere la malattia con disagio e di conseguenza a nasconderla. Le campagne di informazione sono importanti per eliminare i pregiudizi e diffondere la conoscenza. Per questo tutte le proposte hanno l’obiettivo di sensibilizzare sulla necessità di conoscere meglio la malattia e imparare a conviverci.

L’Epilessia è tra le patologie neurologiche più diffuse ed è riconosciuta come malattia sociale dall’OMS (Organizzazione mondiale della Sanità): nei Paesi industrializzati interessa 1 persona su 100.
In Europa si stima che circa 6 milioni di persone vivano la patologia in fase attiva, quindi con crisi persistenti oppure sotto trattamento, mentre in Italia potrebbero essere 500mila persone.
A Reggio Emilia sono 1500 i pazienti seguiti dalla Neurologia dell’Arcispedale su un numero stimato di circa 5mila malati nella nostra provincia.

Programma degli eventi informativi in varie zone della città:

  • alle ore 16.30 nella “Sala del Planisfero” della Biblioteca Panizzi:
    incontro organizzato dal coordinamento regionale della Lice (Lega italiana contro l’epilessia) sul tema delle crisi epilettiche e su come affrontarle.
    Interverranno le dottoresse Romana Rizzi del Centro Epilessia Adulti del Santa Maria Nuova e Carlotta Spagnoli, della Neuropsichiatria Infantile dell’Ausl di Reggio Emilia.
    L’ingresso è libero.
  • alle ore 20.30 al Nuovo Teatro San Prospero
    Commedia comica dialettale in due atti di Antonio Guidetti “Se negh pinseva mia mé” il cui ricavato sarà totalmente devoluto all’Associazione Epilessia Emilia Romagna (AEER) per l’acquisto di un holter per l’Arcispedale Santa Maria Nuova.
  • nelle stanze del Centro Epilessia dell’Arcispedale: esposizione dei Poster esplicativi.
  • la rotonda davanti alla stazione di Reggio sarà illuminata di viola come molti altri monumenti in tutta Italia.
    Il viola è il colore dello stigma ed è il simbolo di una duplice battaglia, contro la malattia e contro gli effetti collaterali di natura sociale.

Per tutto il giorno, dalle ore 10.00 alle ore 17.00,  è attivo il “numero viola” 800 59 54 96 per chiedere informazioni sulla patologia e su come intervenire in caso di episodi improvvisi.
I medici del Centro Epilessia di Reggio Emilia (dott.ssa Romana Rizzi, dott. Massimo Bondavalli, dott. Marco Russo) collaboreranno all’iniziativa.

 

Info

Ausl Reggio Emilia

Per informazioni sulle iniziative nazionali:
www.lice.it
 www.fondazionelice.it

Con il patrocinio del Comune e dell’Azienda Usl Irccs di Reggio Emilia

Condividi: