Gramsci per la scuola

Condividi:
Concluso
15
Mar

SCUOLA DI IERI, DI OGGI, DI DOMANI
due incontri sul pensiero educativo di Antonio Gramsci e sul destino della formazione

promosso da
ASSOCIAZIONE DEGLI ITALIANISTI (ADI)
LIBERAUNIVERSITÀPOPOLARE (LUP/RE)

in collaborazione con
ANPI e ISTORECO

“Scuola di ieri, di oggi, di domani” è il titolo di un saggio di Antonio Banfi, uscito nel 1946, che sollecitava un’opera di ricostruzione di una “democrazia reale”, fondata su una nuova cultura “concreta, integrale, profondamente umana”. Alla scuola, umiliata e offesa dal “mastice del nazionalismo e della retorica fascista”, viene assegnato da Banfi un ruolo centrale nella “vegetazione fresca e viva della nuova democrazia… di un nuovo umanesimo”. Proprio questo saggio di Antonio Banfi, custodito in Biblioteca Panizzi insieme ad altri interventi e pubblicazioni ancora in parte inediti, è la migliore premessa a questa iniziativa, organizzata sulla scia delle celebrazioni degli ottant’anni dalla morte di Antonio Gramsci, che alla scuola ha dedicato una riflessione profonda. Due importanti volumi, di recente pubblicazione, diventano così una buona occasione di confronto sulla situazione del presente e del futuro della formazione in Italia.

Nel mese di marzo sarà in esposizione presso la Sala del Planisfero una prima selezione di manoscritti e materiali inediti sulla scuola, provenienti dall’Archivio Antonio Banfi della Biblioteca Panizzi.

 

Conoscere è vivere

Presentazione del volume di Giuseppe Benedetti e Donatella Coccoli  (L’Asino d’oro, Roma 2018)
L’autore Giuseppe Benedetti dialoga con Claudia Correggi Cinzia Ruozzi

La scuola, l’acquisizione della conoscenza, l’importanza della cultura sono per Gramsci i temi che costituiscono l’essenza stessa della politica. Ne ha scritto moltissimo, ma questo inestimabile patrimonio di idee è andato disperso, strumentalizzato e spesso cancellato. Così come è stata cancellata la sua critica radicale all’ideologia religiosa, responsabile di aver condizionato la formazione degli italiani.
Il volume si pone l’obiettivo di recuperare l’organicità originaria del pensiero gramsciano, mostrandone la sua straordinaria attualità. Gramsci dice ai politici che hanno bisogno di cultura, agli intellettuali che devono essere politici, a tutti che è necessario studiare e cercare, sempre. Contro la confusione, l’estemporaneità e l’indefinitezza delle ultime proposte per la scuola, scoprire e leggere Gramsci significa incontrare un pensiero non scisso tra teoria e prassi, potentemente coerente e contraddistinto da un interesse profondo per l’essere umano. Recuperare e restituire le idee di Gramsci sulla conoscenza che è vita, sulla storia degli esseri umani che è sempre progresso, sul sapere che non è mai facile, significa opporsi alla rassegnazione e all’idea della impossibilità di un cambiamento.

 

Iniziativa nell’ambito del ciclo PLANISFERO

Info

Ingresso libero.

 

Biblioteca Panizzi
via Farini, 3
42121 REGGIO EMILIA

www.bibliotecapanizzi.it

www.facebook.com/bibliotecapanizzi

A cura di: Biblioteca Panizzi
Condividi: