Giovane fotografia italiana #07 – VII edizione

Condividi:
20
Apr

Settima edizione, sette artisti under 35, sette interpretazioni del tema Ropes/Corde

Programma completo

I sette progetti vincitori della call, Fabrizio Albertini, Silvia Bigi, Emanuele Camerini, Marta Giaccone, Luca Marianaccio, Iacopo Pasqui, Jacopo Valentini, sono stati selezionati da una giuria internazionale, composta da Carine Dolek, Shoair Mavlian, Daniele De Luigi e Ilaria Campioli.

Fabrizio Albertini (Verbania, 1984) con Radici offre un racconto autobiografico sul tema delle origini e della famiglia.

Silvia Bigi (Ravenna, 1985) in Cicatrici ricostruisce un passato di cui non ha memoria e che vide il padre coinvolto in un incidente aereo.

Emanuele Camerini (Roma, 1987) in Notes for a silent man ripercorre i luoghi dell’infanzia per ricostruire i ricordi della figura paterna.

Marta Giaccone (Cles, 1988) con Ritorno all’isola di Arturo riscopre Procida e le sue giovani abitanti.

Luca Marianaccio (Agnone, 1986) si affaccia su un futuro prossimo pervaso da una tecnologia capace di alterare le relazioni interpersonali.

Iacopo Pasqui (Firenze, 1984) con N osserva la vita dei giovani di provincia, in bilico tra il desiderio di un futuro diverso e il legame con le radici.

Jacopo Valentini Vis Montium (Modena, 1990) vede la Pietra di Bismantova come un luogo in grado di legare mondi reali e immaginari.

Info

Ingresso libero.

Il programma può subire variazioni. In caso di maltempo, le iniziative previste nel Chiostro piccolo si svolgeranno in Sala delle Carrozze.

La mostra è promossa dal Comune di Reggio Emilia e dall'associazione GAI - Giovani artisti italiani, in collaborazione con prestigiose realtà internazionali come FetArt – Circulation(s) Festival de la jeune photographie europeénne di Parigi, Photoworks - Brighton Photo Festival, Roca Umbert Fàbrica de les Arts – Festival Panoràmic di Granollers (Barcellona), oltre a Palazzo Magnani – Fotografia Europea.

L’esposizione vede il contributo di Regione Emilia–Romagna e di Reire srl.

La mostra è a cura di Ilaria Campioli e Daniele De Luigi.

Condividi: