Gino Gandini. Il sentimento della visione

Condividi:
27
Nov

Gino Gandini. Il sentimento della visione
a cura di Sandro Parmiggiani

Inaugurazione: sabato 22 ottobre, ore 16.30

Il Comune di Reggio Emilia e i Musei Civici della città promuovono, dal 22 ottobre al 27 novembre 2022, la mostra “Gino Gandini. Il sentimento della visione” nella Galleria Parmeggiani (Spazio interno 1). L’esposizione, a cura di Sandro Parmiggiani, presenta cinquanta opere dell’artista realizzate dagli anni Trenta fino al termine del Novecento. Di Gandini (Reggio Emilia, 3 novembre 1912 – 25 luglio 2002), uno dei più importanti artisti reggiani del secolo scorso, ricorrono, in questo 2022, i centodieci anni dalla nascita e i venti dalla morte. Si tratta di una esposizione che presenta una selezione di cinquanta opere, rappresentative di alcuni tratti, e motivi, del suo percorso, e delle tecniche cui l’artista si dedicò (i dipinti a olio, i disegni e le incisioni, tecnica in cui Gandini fu davvero un petit maître).

Scorrono davanti ai visitatori della mostra opere – di proprietà dei Musei Civici di Reggio e della famiglia degli eredi – che vanno dai ritratti figurativi degli esordi, agli scorci della città che andava cambiando negli anni dell’immediato dopoguerra e ai motivi cari a Gandini nel corso di tutta la sua attività – i paesaggi dell’Appenino reggiano (in cui, a Bergonzano di Quattro Castella, nei pressi della Chiesa della Madonna della Battaglia, Gino e la moglie Rina Ferri si fecero costruire una casa di campagna), indagati nelle stagioni dell’anno (in particolare, quando la neve tutto ammanta di bianco e di silenzio); i paesaggi del Po, in cui si coglie il richiamo e il fascino perennemente esercitati su di lui dal Grande Fiume; le nature morte; gli autoritratti e i ritratti della moglie.

Scrive il curatore, Sandro Parmiggiani: “Di fronte alle opere di Gino Gandini, è utile ricordare ciò che diceva Glenn Gould, l’ineguagliato pianista canadese: ‘Lo scopo dell’arte non è la somministrazione di una momentanea iniezione di adrenalina. Piuttosto la graduale, paziente e duratura costruzione di uno stato interiore di meraviglia e di serenità’. Le opere di Gandini, quando vi si passi accanto e si accetti di soffermarvisi, ci restituiscono un modo di vedere che ci aiuta a costruire un sentimento della visione e un’‘educazione sentimentale’ capaci di cogliere qualche elemento dell’essenza, spesso inafferrabile, della vita.”

Maggiori informazioni sul sito dei Musei Civici

Comunicato stampa

 

Dal 1° maggio 2022, in ottemperanza al DL. 24/2022, per l’accesso ai Musei Civici, non è più necessario il possesso di “Green pass” (né base né rafforzato).
L’utilizzo di mascherine è raccomandato ma non obbligatorio.

Info

Ingresso gratuito

--

Visita le collezioni della Galleria Parmeggiani 
--

Musei Civici
Via Spallanzani, 1
42121 Reggio Emilia

0522 456477 Musei Civici – uffici, via Palazzolo, 2
0522 456816 Musei Civici, Palazzo dei Musei, via Spallanzani, 1
musei@comune.re.it
www.musei.re.it

A cura di: Musei Civici
Condividi: