Breaking Free. Voci e storie dei bambini nati dalla guerra

Condividi:
Concluso
27
Ott

Breaking Free. Voci e storie dei bambini nati dalla guerra” è una mostra ispirata alle storie dei bambini e delle loro madri, alle loro battaglie combattute in silenzio e quindi invisibili.
Dopo essere stata esposta a Sarajevo e Vienna, la mostra arriva in anteprima a Reggio Emilia per poi iniziare un tour in diverse città italiane.

La mostra, organizzata da Iscos Emilia-Romagna in partenariato con Cisl Emilia Centrale e Comune di Reggio nell’Emilia, nell’ambito del progetto Shaping fair cities racconta le storie di una delle categorie più vulnerabili della società bosniaca martoriata dal conflitto serbo bosniaco.
Le immagini vogliono infatti portare alla luce le storie delle donne vittime di violenze e dei loro bambini nati durante il conflitto degli anni Novanta nell’ex-Jugoslavia. Ad oggi, in Bosnia Erzegovina queste categorie si trovano in condizioni di grande vulnerabilità sociale poiché sono vittime di pregiudizi e discriminazioni riguardo il loro passato. Sono donne e sopratutto bambini dimenticati che chiedono di essere accettati come membri di eguale dignità all’interno della società.

Info

Per visite guidate a scuole e gruppi: iscos.emiliaromagna@cisl.it
Sito Web: https://www.iscosemiliaromagna.org

La mostra del fotografo Sakher Almonem è organizzata da Iscos Emilia-Romagna e Forgotten children of War con la collaborazione del Comune di Reggio Emilia. Il progetto è sviluppato con il patrocinio di: Cisl, cooperativa sociale Madre Teresa, associazione MirniMost, Fondazione E35, Fondazione Mondinsieme, casa editrice Infinito Edizioni, Regione Emilia Romagna. Breaking free è supportato dal progetto europeo Shaping Fair Cities capofilato dalla Regione Emilia-Romagna.

Nell'ambito di Reggio Emilia per Emilia 2020. Special sponsor: Iren

Condividi: