Emanuele Reverberi e la Banda di quartiere

Condividi:
Una interessante riflessione sul tema “collettivo” da parte di Emanuele Reverberi direttore e musicista della Banda di Quartiere. Come ha affermato in passato Emanuele “…alla base del progetto Banda di Quartiere c’è un messaggio di resistenza al separatismo, alla divisione, alla paura del contatto fra gli uomini che si respira sempre di più in questi anni, dove l’’altro’ non incuriosisce ma spaventa”. Questo sembra essere il DNA della Banda, formazione nata da un’idea di Arci che nel 2008 progettò un laboratorio musicale aperto a tutti, musicisti e non, che intendeva la musica come strumento principale tra conoscenza, pratica e interscambio continuo e collegiale tra i partecipanti. Ne nacque una vera a propria banda che ha continuato a vivere anche al di fuori del laboratorio.

Per visionare i brani prodotti in questo periodo di distanziamento vai sul canale youtube della BandadiQuartiere

Banda di Quartiere nasce nel 2008 da un laboratorio dell’ARCI di Reggio Emilia inserito nel progetto 167 CONTATTO! E si consolida nell’idea piu’ semplice e “sociale” di fare musica senza vincoli ne’ barriere, facendo convivere la tradizione bandistica italiana con sonorita’ e strumenti che spaziano verso altri mondi ed altre culture. Il 25 aprile 2012 BANDADIQUARTIERE fa uscire il suo primo cd “come potevamo noi cantare…” con canti e musiche della RESISTENZA EUROPEA (ospiti CORRADO NUCCINI- Giardini di Miro’, MAURIZIO MAGGIANI, RICCARDO GALASSI-Lassociazione, MIRKO GHIRARDINI- Icarus/Sentieri Selvaggi/Usignolo/Officina del Battagliero). BandadiQuartiere ha inciso il brano “BREVIARIO PARTIGIANO” nel disco “Breviario Partigiano” dei PostCSI. Ha iniziato una collaborazione con la Banda RULLI FRULLI registrando il brano di chiusura del disco “Il mare dalla luna” e partecipando a numerosi live insieme. BandadiQuartiere in questi anni ha incontrato e condiviso il palco con: Massimo Zamboni, PostCSI, David Riondino, Giardini di Miro’, Paolo Nori, Brigata Lambrusco, Coro dei Malfattori, Carlo Lucarelli, Aterballetto, Mirko Ghiarardini, Teatro Festina Lente, Laboratorio di percussioni di Luciano Bosi, Bassapadana, Angela Baraldi, Vessel, Carlo Actis Dato, Banda del Tricolore, Red Noise, Rulli Frulli, Baba Sissoko Fabrizio Varchetta. Nel 2016 BandadiQuartiere ha ideato il nuovo spettacolo “Improvvisazione molto popolare per le Reggiane”, dove la tradizione bandistica e la musica popolare incontrano il free jazz e la musica improvvisata. Dall’estate 2019 BandadiQuartiere porta avanti un’iniziativa aperta chiamata SCONFINAMENTI SONORI: la musica riportata alla gente e per la gente in qualsiasi luogo, dalla mensa della Caritas al Carcere di Reggio Emilia alle Cooperative Sociali. Da marzo 2020 nonostante l’impossibilità di provare e realizzare concerti la BandadiQuartiere non si e’ fermata, ma ha continuato le prove producendo musica “da casa”: le “IOSTOACASA recording sessions” sono visibili sul canale youtube di BandadiQuartiere

Emanuele Reverberi nasce a Reggio Emilia il 19 marzo del 1976. Si diploma al Conservatorio “A.Peri” di Reggio Emilia in violino nel 2000 sotto la guida del Maestro Alessandro Ferrari. Interessato alla musica popolare, dal 1998 suona il violino e le cornamuse nel gruppo D’ESPERANTO insieme a Paolo Simonazzi e nella COMPAGNIA DELL’ANTICO BORDONE. Dal 2000 fa parte del gruppo GIARDINI DI MIRO’ con il quale incide diversi dischi e partecipa a numerose tournée in Italia, Germania, Grecia, Svizzera, Austria, Francia, Olanda, Belgio Polonia. Con Paolo Simonazzi e Filippo Chieli, dal 2005 suona nella Compagnia del Maggio Costabonese e di Romanoro come violinista. Assieme a CORRADO NUCCINI fonda il gruppo VESSEL con il quale incide un album : “LE DIFESE” (SANTERIA). Collabora con vari artisti fra cui EMIDIO CLEMENTI (MASSIMO VOLUME), la cantante e attrice ANGELA BARALDI, MASSIMO ZAMBONI (CCCP, CSI), LA PIVA DAL CARNER, AFA, RADIOALICE, MIDWEST, ANT, YUPPIE FLU, VALERIAN SWING, JOYCUT, JULIE’s HAIRCUT, BOB CORN, GABRIELE CAMPANI..
Ha curato le musiche per il documentario “IL VIOLINO DI CERVAROLO” per la regia di Nico Guidetti. Dal 2008 dirige la BANDADIQUARTIERE. Ha collaborato con ALESSANDRO SCILLITANI, BRUNO GRULLI e PAOLO SIMONAZZI ad un documentario sulle tradizioni musicali dell’Appennino Reggiano, “L’APPENNINO CHE SUONAVA”. Dal 2002 è insegnante di violino, tromba e laboratori per bambini e di musica d’insieme nelle scuole CEPAM-ARCI di Reggio Emilia e Provincia.

La foto in copertina è stata scattata circa 20 giorni prima del loockdown al teatro di Novellara, prima dello spettacolo “UBU al Luna Park” di  Festina Lente Teatro 
Condividi: